Famiglia

Si parla di affidamento temporaneo o familiare quando un minore di 18 anni viene allontanato momentaneamente dalla propria famiglia di origine (per problemi di vario genere) e viene “affidato” per un periodo predefinito da un’altra famiglia.
L’affido ha, come obiettivo fondamentale, quello di garantire al minore le condizioni adeguate per crescere serenamente, in attesa che i genitori legittimi superino le difficoltà e possano tornare a prendersi cura di lui.

Perché si ricorre all’affido?

Si può ricorrere all’affidamento temporaneo per diversi motivi e questo può succedere sia per decisione degli stessi genitori che si trovano in momentanea difficoltà, oppure per scelta del giudice dei minori. Durante l’affido, se è stato chiesto dai genitori, i bambini e chi li segue, manterranno i rapporti con la famiglia; diversamente, se l’allontanamento dalla famiglia è stato chiesto dal giudice minorile, sarà lui a stabilire quali saranno i rapporti tra i due nuclei. Sarà sempre lui a decidere quando e se il minore potrà tornare alla famiglia d’origine.

Ovviamente l’affidamento non va confuso con l’adozione, cosa completamente diversa. Infatti, l’adozione interrompe completamente i rapporti con l’ex famiglia, mentre in caso di affidamento l’intento è di reintegrare il minore nella famiglia d’origine.

Chi è l’affidato e chi può prendere in affidamento?

L’affidato è sempre un minore (da 0 a 18 anni), italiano o straniero, con o senza disabilità. Per quel che riguarda i minori stranieri, la procedura è diversa poiché si deve prima stabilire quali sono i rapporti con il Paese d’origine, se il minore ha una famiglia e qual è la sua situazione.

L’affidamento temporaneo si può suddividere in diverse formule e in base a queste, cambiano le caratteristiche delle persone che possono prendere in affido un bambino.

Quali tipi di affido sono possibili?

Ci sono due tipi di affido:

  • Consensuale: avviene quando i genitori del minore sono consenzienti all’affido del minore che viene disposto dal servizio sociale locale e reso esecutivo dal giudice tutelare che valuterà tutta la situazione;
  • Giudiziale: quando non c’è il consenso dei genitori e l’affidamento è predisposto dal Tribunale per i minorenni. Questo avviene anche quando non è possibile l’affidamento pre-adozione.

In ogni caso il provvedimento deve stabilire le ragioni dell’affido, la durata, l’affidatario ed eventuali prescrizioni cui si deve attenere lo stesso e il servizio sociale locale che deve seguire l’affidamento.
L’affido può assumere due forme:

  • A tempo pieno (o forma residenziale). In questo caso il minore viene inserito in una famiglia in modo continuativo;
  • A tempo parziale. In questo caso si ricorre a un inserimento solo per qualche giorno a settimana o per brevi periodi. In genere questa formula viene utilizzata quando la famiglia, per motivi lavorativi o di salute, ha bisogno di essere “affiancata” nella gestione del figlio.

La famiglia affidataria: diritti e doveri

Alle famiglie affidatarie vengono richiesti: affidabilità, impegno, motivazione, coscienza di sé e delle proprie capacità. Chi prende in affido dei bambini può usufruire di tutte le agevolazioni di legge previste sul lavoro, come se i figli fossero effettivamente i loro.

Cosa molto importante da ricordare è che le famiglie affidatarie non svolgono il ruolo di tutori nei confronti del minore, non possono gestire il suo patrimonio o assumere decisioni importanti riguardo alla sua persona. Se i genitori biologici non esercitano la patria potestà, verrà nominato un tutore dal Giudice minorile.

La famiglia affidataria deve mantenere, curare, istruire e educare il minore.

Quando finisce l’affidamento?

  • Quando decade la causa che ha portato all’abbandono momentaneo del minore;
  • Quando l’abbandono passa da temporaneo a definitivo (il minore, in questo caso, diventa adottabile);
  • Quando l’affidamento non ha portato a un buon esito oppure, l’affidatario, non è più in grado di prendersi cura del minore.

Chi desidera intraprendere questo percorso può rivolgersi ai servizi sociali che offrono un percorso formativo/informativo. Troveranno inoltre assistenza e sostegno da parte di psicologi, sociologi e giuristi. Alla fine del percorso, gli aspiranti affidatari, vengono inseriti in un’apposita banca dati cui si attinge quando un minore ha bisogno di un affido familiare.

Post Author: Conciliatempo

You may also like

Coppia in attesa figlio

Come cambia la coppia in gravidanza

All’arrivo di un bebè la vita familiare subisce uno stravolgimento,

Bambino nel letto

Le meraviglie del bed sharing

Oggi scopriamo tutte le meraviglie del bed sharing, di cui


Termini e condizioni Alcuni post possono contenere link di affiliazione. conciliatempo.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it.

Marchi registrati Amazon e il logo Amazon sono marchi registrati di Amazon.com, Inc. o delle sue affiliate. In qualità di Affiliato Amazon, ricevo un guadagno per ciascun acquisto idoneo.

Disclaimer Le informazioni contenute in questo sito sono pubblicate a scopo esclusivamente informativo: in nessun caso possono sostituire, integrare o essere considerate come alternative alla diagnosi del medico curante.

Copyright © 2018 Conciliatempo.it. Tutti i diritti riservati. P.IVA HU69098356

Privacy e cookie policy - Contatti

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione. Clicca su Maggiori informazioni se vuoi saperne di più e su Accetto per dare il tuo consenso. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi