Donna in gravidanza

La gravidanza è un periodo della vita molto delicato. Bisogna infatti prestare particolare attenzione alla propria salute, mangiare sano e mettersi al riparo dal rischio di contrarre alcune patologie infettive pericolose per sé stesse e per il nascituro. Vediamo quindi nel dettaglio come evitare il rischio di contrarre la toxoplasmosi senza rinunciare comunque ad ingerire alcuni alimenti.

La prevenzione

Prima di tutto è necessario evitare contaminazioni dal contatto con oggetti eventualmente infetti o seguenti l’ingestione di prodotti potenzialmente pericolosi. Lavate con una certa attenzione tutti i vegetali che portate in tavola. Aiutatevi magari con uno spazzolino da denti ed accertatevi sempre non ci sia alcuna traccia di terra o di altro sulle verdure o sulle bucce di frutta. Per maggiore sicurezza poi lasciate tutto in ammollo con bicarbonato per una buona mezzora.

Se siete delle amanti del giardinaggio e siete anche in dolce attesa, fareste bene, quando rimestate il terriccio, a proteggere le mani con i guanti.

Importantissimo è poi cuocere bene la carne e non ingerirne porzioni non del tutto cotte. Lavate spesso le mani utilizzando acqua calda e sapone, soprattutto se avete toccato dei cibi crudi, rilavate di continuo gli utensili da cucina, pulite il frigo ed i piani d’appoggio. Prendete poi l’abitudine di riscaldare sino a farli sobbollire gli eventuali avanzi, di controllare che la temperatura del frigo si attesti su 4° (o inferiore) di non contaminare alimenti cotti e crudi e di fare in modo che gli alimenti da conservare si raffreddino sempre velocemente.

Cibi da evitare

Purtroppo però, a prescindere dal numero di precauzioni che potrete prendere, il rischio di incappare nella toxoplasmosi è sempre dietro l’angolo e, proprio per questo motivo, alcuni alimenti andrebbero evitati a priori dato che sono molto più pericolosi di altri.

E’ il caso quindi, non è difficile intuirlo data la lunga serie di raccomandazioni di cui sopra, di tutti gli insaccati e le carni crude, delle uova non cotte e non lavate prima dell’utilizzo, del pesce e del latte.

Per questi nove mesi dovrete pazientare un po’ e rinunciare ai frutti di bosco ed a tutti quei vegetali difficili da pulire seguendo l’iter indicato poco più sopra, ai frutti di mare, ai formaggi molli ricavati da latte crudo o fermentati oppure ancora stagionati o a pasta filata.

Meglio poi nutrirsi di paté in scatola piuttosto che freschi e lasciar perdere salsicce ed i preparati di carne, pesci affumicati e qualunque altro alimento non debitamente cotto.

Post Author: Conciliatempo

Mamma tuttofare, alle prese con figli, casa, lavoro...tento sempre di far conciliare tutto e di intersecare i diversi impegni...un'impresa ardua ma non impossibile.

You may also like

Donna incinta su panchina

Come vestirsi in gravidanza: consigli, strategie e regole

Avere un bimbo è un’esperienza meravigliosa e anche i 9

Donna incinta

Stitichezza in gravidanza: cause, effetti e rimedi

La gravidanza è senza dubbio una fonte di gioia (in

Gravidanza

Posizione podalica: le tecniche per girare il piccolo

Il momento del parto è sempre più vicino e, tra

Copyright © 2019 Conciliatempo.it. Tutti i diritti riservati.

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione. Clicca su Maggiori informazioni se vuoi saperne di più e su Accetto per dare il tuo consenso. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi